emorragia post parto ostetrica viviana

Emorragia post parto o normale perdita?

Quando si parla di sangue si va sempre in panico ed è bene approfondire il discorso per non confondere una vera emorragia post parto con le normali perdite che si verificano dopo la nascita.

Vediamo insieme le differenze.

Le perdite fisiologiche dopo il parto, anche chiamate lochiazioni, possono raggiungere una quantità di circa 500ml e continuano anche nei giorni successivi il parto.

Le trovi descritte meglio in questo articolo che ho dedicato a tutte le cose da sapere sulle perdite post parto.

Purtroppo, invece, l’emorragia del post parto è un evento molto pericoloso che complica il 5-15% di tutte le gravidanze e richiede un intervento repentino e organizzato.

Pur essendo imprevedibile, sono stati evidenziati fattori che ne possono aumentare il rischio che possono derivare da eventi traumatici o da problemi legati al tono uterino.

Ma facciamo un passo indietro…

Cosa succede nel post parto

Dopo la nascita del bambino, l’utero si contrae massivamente per strozzare i vasi che portano sangue alla placenta.
In questo modo la placenta non più vascolarizzata viene come staccata dalla parete uterina e cade appoggiandosi sulla bocca uterina (quella da cui è appena uscito il bambino).

Il tutto accade abbastanza velocemente, grazie alla nostra amica ossitocina che favorisce questa contrazione massiva.

Inutile ricordare che tutto ciò che mantiene la naturalità della nascita ed il contatto immediato con il neonato, favorisce il rilascio massivo di ossitocina e, quindi, protegge la fisiologia di questo momento.

Emorragia post parto: i fattori di rischio

Ripercorriamo, ora, quali possono essere alcuni dei fattori di rischio:

  • La gravidanza multipla
  • La Preeclampsia (una patologia che si manifesta con proteine nelle urine e pressione alta)
  • Un bambino che pesa alla nascita  più di 4 kg
  • L’episiotomia
  • La placenta che viene ritenuta
  • La placenta accreta (cioè le cui fibre superano la decidua uterina e arrivano negli stati più profondi)
  • Alcune lacerazioni importanti specialmente se non visibili esternamente.
  • Anomalie acquisite o congenite della coagulazione

emorragia post parto ostetrica viviana rischi

Come riconoscere un’emorragia post parto

Lo so la parola “emorragia” spaventa ma ci tengo a dirti che non devi preoccuparti a priori perché, come ti spiegavo questo evento aggrava una minima percentuale dei parti e tutto il personale ostetrico (ostetriche e ginecologi) sono continuamente formati per gestire tempestivamente un’emorragia.

La cosa che, però, devi fare tu è capire come riconoscere un’emorragia da una perdita, non tanto nei primi giorni di ospedale ma quando sarai a casa subito dopo le dimissioni (anche se la maggior parte degli eventi emorragici si manifestano nelle prime ore dal parto).

Il corpo umano compensa bene una perdita ematica tra 500 ml e 1000 ml ma potresti avere dei segni precoci come palpitazioni, tachicardia, tremori che assieme ad una perdita abbondante sull’assorbente ti dovrebbero portare a controllare con il medico.

Nel caso in cui la perdita sia tra 1000 ml e 1500 ml i segni sono più evidenti e si cominciano a manifestare: debolezza, sudorazione (da non confondere con la normale stanchezza del post parto – ricorda che la perdita di sangue abbondante è il segno più importante) e tachicardia.

Per poi peggiorare per perdite sino a 2000 ml con agitazione, pallore generale ma in particolare alle dita delle mani, oliguria (cioè poca pipì) e portare al collasso, fame d’aria e anuria (zero pipì) per perdite di sangue che raggiungono i 3000 ml.

ATTENZIONE: se le perdite sono sempre abbondanti e non accennano a diminuire con il passare dei giorni, se si mantengono di colore rosso vivo e se presentano coaguli, devi preoccuparti e chiamare il medico immediatamente.

Ricorda che è normale tornando a casa e muovendoti di più, avere perdite più frequenti, potresti anche sentire colare il sangue specie dopo aver allattato o alzandoti dopo essere rimasta a lungo distesa o seduta.

Ma se ti rendi conto che il sangue è aumentato invece che diminuire, se hai i segni che ti ho descritto prima, chiama subito la tua ostetrica per concordare una visita e se non ci hai ancora pensato scegline una già durante aka gravidanza perché ti servirà.

Se invece i sintomi sono importanti vai direttamente nell’ospedale in cui hai partorito per fare un controllo.

Infine, ricordati sempre che le perdite non devono avere cattivo odore.

Emoragia post parto: RECAP

L’emorragia post parto può colpire il 5% delle donne.
È molto probabile che accada nelle prime 24 ore dopo il parto ma può presentarsi in qualsiasi momento entro le prime 12 settimane dalla nascita del bambino.
Si tratta di una complicanza grave.

Ti devi immediatamente rivolgere al medico o all’ospedale se hai uno di questi sintomi:

  • Emorragia rosso vivo oltre il terzo giorno dopo il parto;
  • Coaguli di sangue più grandi di una albicocca;
  • Sanguinamento che costringe a cambiare più di un assorbente ogni ora;
  • Visione offuscata;
  • Sudorazione;
  • Tachicardia;
  • Debolezza;
  • Nausea;
  • Vertigini;
  • Brividi.

Spero di aver chiarito la differenza tra le normali perdite post parto e l’emorragia. 

Il mio obiettivo non è certo farti preoccupare ma darti consapevolezza e informazioni utili sui segnali che devi sempre tenere a mente.

Per me la consapevolezza è una “parola d’ordine” per vivere una maternità serena e senza problemi inaspettati, per questo ho creato tutti i miei percorsi: per dare modo alle future mamme di prepararsi ad ogni evenienza.

Per conoscere tutti i miei consigli, maturati in più di venti anni di esperienza come ostetrica, su come affrontare le varie fasi della gravidanza e il parto, puoi andare a visionare tutti i miei percorsi e valutare quale scegliere di seguire.

I MIEI PERCORSI PRONTE A RINASCERE

Inoltre, puoi rimanere aggiornata su tutti gli argomenti che riguardano la maternità, inclusi il POST PARTO e ALLATTAMENTO) seguendo il mio account Instagram (che trovi cliccando QUI).

Un abbraccio,
Viviana

CLASSE ONLINE GRATUITA SULLA PREPARAZIONE AL PARTO

Registrati GRATIS ora al mio WEBINAR SUL PARTO

Vedremo insieme “Le 10 cose che devi assolutamente sapere prima di partorire

La prossima classe sarà
questo giovedì!
CLASSE ONLINE GRATUITA SULLA PREPARAZIONE AL PARTO

Registrati GRATIS ora al mio WEBINAR SUL PARTO

Vedremo insieme “Le 10 cose che devi assolutamente sapere prima di partorire

La prossima classe sarà
questo giovedì!

Iscriviti al Webinar dell'Ostetrica Viviana Presicce

Vedremo insieme
le 10 cose che devi assolutamente sapere prima di partorire

Prossima classe online: Giovedì ore 19.00
Posti Limitati: 300

[handl_original_ref_i][/handl_original_ref_i]
[handl_landing_ref_i][/handl_landing_ref_i]
[handl_ip_i][/handl_ip_i]
[handl_url_i][/handl_url_i]
Presenta:
Viviana Presicce
La Tua Ostetrica Online

QUESTO GIOVEDÌ: Le 10 cose che devi assolutamente sapere prima di partorire

Iscriviti al Webinar Gratuito dell'Ostetrica Viviana

"Le 10 Cose che Devi Assolutamente Sapere
Prima di Partorire"

I Posti Disponibili Sono Limitati

[handl_original_ref_i][/handl_original_ref_i]
[handl_landing_ref_i][/handl_landing_ref_i]
[handl_ip_i][/handl_ip_i]
[handl_url_i][/handl_url_i]

Iscrivendoti a questo form avrai accesso al WEBINAR GRATUITO ed entrerai a far parte della mia lista mail a cui mando con regolarità la mia newsletter settimanale e promozioni esclusive sui miei percorsi Pronte a Rinascere.