Come smettere di allattare? Questa è probabilmente una delle domande più frequenti sul tema dell’allattamento che le mamme mi fanno quando i bimbi iniziano a diventare più grandicelli.

In questo articolo, quindi, voglio approfondire motivazioni e metodiche per farlo. Prendi allora carta e penna e segnati i 10 consigli che sto per darti!

Allattamento: facciamo una premessa

Prima di cominciare lascia che faccia una premessa.

Stiamo parlando di un periodo successivo ai sei mesi, perché se l’allattamento funziona non c’è nessun motivo per smettere prima (tranne situazioni di salute della mamma ovviamente).

Non perché lo dico io ma perché è uno dei consigli dell’OMS (l’Organizzazione Mondiale della Sanità) che raccomanda di proseguire l’allattamento esclusivo al seno per almeno i primi 6 mesi di vita del bambino.

A seconda delle esigenze della mamma e del bambino stesso, poi, si può continuare l’allattamento per tutto l’anno del bambino e oltre, ovviamente.

Se invece per mille motivazioni quello che senti è di smettere di allattare prima dei 6 mesi, ti suggerisco di valutare attentamente un supporto da parte di un’ostetrica o di un professionista che ti possa guidare passo passo nella scelta migliore e più consapevole.

L’allattamento, lo so, può essere duro e impegnativo, sia fisicamente sia moralmente ma prima di demoralizzarti ti sprono a chiedere aiuto e ad informarti sui benefici dell’allattamento materno per mamma e bambino.

Inoltre ti consiglio spassionatamente di non lasciarti mai condizionare dai luoghi comuni sull’argomento che troppo spesso inducono in errore.

Smettere di allattare: i 10 consigli per farlo

Ma ora veniamo al momento in cui si decide di smettere di allattare dopo i 6 mesi.

Per aiutarti a portare avanti la tua scelta nel migliore dei modi, evitando così un trauma al tuo bambino o dei problemi per te, ho stilato 10 consigli da seguire per smettere di allattare:

1) Valuta attentamente la motivazione che ti spinge a farlo

Le motivazioni che ti spingono a smettere di allattare alle volte possono non essere realistiche.
Quindi per essere davvero certa che siano quelle più giuste rivolgiti ad una professionista.

Ricordati che la tua scelta non è “reversibile”.
La relazione profonda che in questi mesi si è creata con il tuo bambino ha bisogno di punti fissi. Un volta che avrai deciso di smettere di allattare tutto cambierà e dovrai iniziare a trovare altre modalità per portarne avanti una nuova.

2) Non smettere di allattare perché pensi di dormire di più

So che molte mamme prendono questa decisione sulla scia del bisogno di riuscire nuovamente a riposare una notte intera ma a questo proposito ti devo dire che anche smettendo di allattare questo NON sarà un passaggio immediato.

Il sonno del bambino non dipende, infatti, dall’allattamento ma da tanti altri fattori tra cui la modalità stessa che il bambino ha di passare dal sonno profondo agli altri stadi.

Quindi, smetti di allattare solo se sei veramente sicura di volerlo fare e non pensare che facendolo le cose cambino immediatamente.

3) Comincia lentamente

L’allattamento è una funzione fisiologica che non va interrotta bruscamente. Ne va della tua salute.
Quindi, inizia a distanziare le poppate oppure, ancora meglio, elimina le poppate meno “ricercate” del bambino.

Parti dalle più semplici, studiando la vostra giornata, e non pensare di riuscire fin dall’inizio di eliminare proprio la poppata prima di dormire.

4) Chiedi aiuto perché ne avrai bisogno

Molto spesso sono i papà ad aiutare in questo passaggio ma potresti valutare anche di rivolgerti ad un’ostetrica per tutti i suggerimenti di cui necessiti.

5) I farmaci non ti servono

Ricordati che dopo qualche mese non è più possibile stoppare l’allattamento con i farmaci.

6) NO alle fasciature

Le fasciature non hanno nessuna utilità.
Sia le fasciature sia la sospensione dell’allattamento in modo troppo brusco possono provocare ingorghi o nel peggiore dei casi anche una mastite.
Per cui ti invito sempre a rivolgerti a personale specialistico per essere assistita in questo percorso.

7) Non offrire il seno come prima risposta e se il bambino NON lo richiede

Dato che è probabile che nel momento in cui deciderai di smettere di allattare il tuo bambino sia in grado di comprendere e relazionarsi con te, spiegagli tutto ed evita di dirgli bugie.
Ci possono essere delle situazioni in cui non ti senti a tuo agio, come ad esempio quando sei fuori casa e il tuo bambino è già grande.
Digli le cose come stanno, lui può capire.

8) Non mentire al tuo bambino

Non usare stratagemmi o sotterfugi, non ti servono!
Spiega al tuo bambino che se ha bisogno di un abbraccio o di una coccola puoi farlo anche senza doverlo allattare.
No ai cerotti, no al peperoncino, no a “la mamma ha la bua”.

Nella relazione con il tuo bambino ci deve essere fiducia quindi terminare l’allattamento con “mezzucci” o “bugie” è da evitare completamente perché potrebbe compromettere l’inizio del tuo nuovo rapporto con lui.

9) NO ai sensi di colpa

Sei libera di fare le tue scelte sull’allattamento.

Come professionista non posso ovviamente non dirti che l’allattamento al seno esclusivo e a richiesta è la scelta migliore che tu possa fare per te e per il tuo bambino ma decidere diversamente o non essere stata così fortunata di poterlo fare non fa di te una mamma di serie B o meno brava.

Quindi una volta che hai preso la tua decisione lascia da parte i sensi di colpa.

Il tuo bambino è sensibile a quello che provi interiormente.
Se la tua decisione non sarà determinata e senti il dubbio insinuarsi ancora dentro di te, lui lo sentirà e, non capendo, ti porterà a non voltare pagina in modo netto, chiaro ed efficace. Devi essere determinata e assertiva solo così conquisterai la sua fiducia e potrai portare a termine la tua decisione.

10) Allatta fino a quando lo desideri

Prosegui l’allattamento a richiesta fino a quando dentro di te o in famiglia o nel tuo bambino non si crea un disagio tale da costringerti in qualche modo a valutare attentamente la situazione.

Se è possibile prolunga l’allattamento sino all’anno del tuo bambino. Se non lo è, cerca dei professionisti per farti guidare.


Questi i miei 10 consigli per smettere di allattare.

Credo che ti saranno utili, sei d’accordo?

Se vuoi sentirli direttamente dalla mia voce, puoi guardare il video che ho realizzato sul tema cliccando direttamente qui sotto.

Prima di concludere ti voglio dire ancora un’ultima cosa.

Studi scientifici attestano che il termine fisiologico da parte del bambino di allontanamento e disinteresse verso l’allattamento è mediamente verso i 3 o 4 anni.
Quindi, se l’idea di continuare così a lungo ad allattare ti spaventa è molto probabile che tu dovrai decidere di smettere prima.

Tieni a mente però che i bambini che hanno ricevuto più accudimento durante i primi mesi della propria esistenza diventano indipendenti più rapidamente, quindi sarà anche possibile che sia proprio il tuo bambino a decidere di concludere questa fase della vostra relazione e di passare oltre.

Se vuoi condividere con me i tuoi dubbi o la tua esperienza scrivimi tutto nei commenti. Mi farà piacere leggerti!