Contrazioni parto: come riconoscerle? Quello che devi sapere VIDEO

Per ogni donna, sia che si stia trovando ad affrontare la prima gravidanza sia che si stia preparando ad una nuova esperienza di parto, la comprensione della loro percezione o il ricordo delle contrazioni sono spesso confusi e con pochi riferimenti pratici a cui appigliarsi: scopriamo, quindi, tutto quel che c’è da sapere sulle temutissime contrazioni, cosa sonoquando iniziano, cosa si sentecome riconoscerle.

Leggi anche: Parto indotto vs parto naturale: quali sono le differenze?

Contrazioni: cosa sono e cosa succede all’utero

Prima di chiarire le differenze delle varie tipologie di contrazioni e come riconoscerle, è importante capire cosa succede al nostro corpo, con esattezza al nostro utero, prima e durante il travaglio. In questo modo, ti sarà più semplice comprendere l’importanza e l’intenzione delle contrazioni e del loro significato, in gravidanza o in travaglio.

Partiamo col dire che le contrazioni sono dei veri e propri movimenti involontari, il cui scopo è quello di accorciare le fibre muscolari del nostro utero e preparare la base migliore per il momento del parto. L’obiettivo finale è quello di far scomparire il collo dell’utero (quella parte dell’utero che ha protetto il bimbo al suo interno per tutta la durata della gravidanza) così da permettere l’inizio della dilatazione e del travaglio che condurrà al parto.

Quanti tipi di contrazioni ci sono e quando iniziano?

Ma quanti tipi di contrazione ci sono e quando iniziano a comparire durante la gravidanza e prima del parto?

Ne esiste un solo tipo: tutto il lavoro dei muscoli dell’utero, sia esso organizzato o un pochino random, da effetto ad una contrazione (per capirci, un effetto simile a quello che succede al bicipite quando pieghiamo il braccio). Quello che cambia è il risultato che la contrazione provoca sul tessuto uterino.

Per rendere ancora più chiara la comprensione di quello che intendo, ti elenco in ordine di comparsa le varie tipologie di contrazioni e a cosa servono:

  • Contrazioni preparatorie o Contrazioni di Braxton-Hicks: sono da considerarsi come esercitazioni dell’utero al travaglio e possono comparire nell’ultimo trimestre di gravidanza (attenzione non tutte le donne le avvertono durante la gravidanza) non sono accompagnate a dolore e non sortiscono effetti sul collo dell’utero;
  • Contrazioni prodromiche: sono delle contrazioni irregolari, simili come modalità a quelle del travaglio ma che per la loro intensità, per il fatto che sono disordinate sia per la durata che per gli intervalli hanno bisogno di tempo per provocare cambiamenti. Le contrazioni prodromiche hanno comunque un’efficacia sulla consistenza dei tessuti del collo dell’utero.
  • Contrazioni del travaglio. Quando queste contrazioni cominciano a diventare ordinate e si regolarizzano allora è probabile che da lì a poco entreremo in travaglio. Questo genere di contrazioni è efficace: per la scomparsa del collo dell’utero, per il cambio di consistenza e per la dilatazione del collo dell’utero.

Contrazioni preparatorie o ”vere”: come riconoscerle?

Un dubbio che, spesso, assale le donne in gravidanza riguarda la differenza tra le contrazioni pre travaglio (Prodromiche) e quelle ”vere” del travaglio.

Come fare a riconoscerle?

Per capirne bene la differenza è importante riconoscere i vari effetti che le diverse tipologie di contrazioni provocano sull’utero. Essere capace di distinguerle ti metterà in una condizione di maggiore tranquillità e ti permetterà di avere consapevolezza di tutti i passaggi che ti condurranno al parto.

Per imparare a distinguere concretamente le contrazioni (preparatorie) da quelle del travaglio è importante conoscerne le caratteristiche. Di seguito troverai le descrizioni dettagliate e un video in cui ti spiegherò con esattezza cosa ti succederà e cosa sentirai durante tutti i tipi di contrazione. Sei pronta? Procediamo!

Contrazioni preparatorie: come sono e come riconoscerle

Le contrazioni preparatorie si distinguono facilmente dalle contrazioni del travaglio per i seguenti motivi:

  • Sono disordinate
  • Hanno diversa intensità
  • Hanno diversa durata
  • Non sono regolari
  • Sono spesso indolori o accompagnate a dolore lieve o fastidio
  • Possono anche presentarsi solo in alcune parti dell’utero 

Contrazioni come un’onda: cosa si sente?

Adesso non ci resta che capire come riconoscere e cosa si sente durate le contrazioni vere e proprie del parto. Ricorda che le contrazioni del travaglio si riconoscono per il modo e la durata in cui si manifestano.

Contrazioni parto: come sono e come riconoscerle?

  • Sono regolari
  • Hanno tutte intensità più o meno simile 
  • Durano più di 30 secondi
  • All’inizio si susseguono a intervalli di tempo di 10 minuti circa, per poi farsi sempre più frequenti

Bisogna, inoltre, ricordare che la contrazione non è una sensazione di dolore costante e duratura, ma al contrario assomiglia ad un’onda che parte da un minimo, raggiunge un’apice e poi scompare del tutto.

Dopo aver letto questo articolo, sapresti riconoscere le varie contrazioni che precedono il parto? Se hai ulteriori dubbi e vuoi avere una spiegazione ancora più esplicita di quanto detto fino ad ora ti lascio un mio video che ti scioglierà ogni dubbio.

Ti ricordo però che è sempre bene segnalare a chi ti segue questi cambiamenti in particolare se la tua gravidanza è in qualunque settimana prima della 35esima.

Per conoscere tutti i miei consigli, maturati in più di venti anni di esperienza come ostetrica, su come affrontare le varie fasi della gravidanza e il parto, iscriviti al mio WEBINAR gratuito dal titolo “Le 10 cose che devi sapere prima di partorire” che tengo ogni giovedì.

Leggi anche: Come prepararsi al parto naturale (con Guida in PDF da scaricare)

Inoltre, puoi rimanere aggiornata su tutti gli argomenti che riguardano la maternità (anche POST PARTO e ALLATTAMENTO)  tramite la mia pagina Instagram (che trovi cliccando QUI).

Un abbraccio,
Viviana.

CLASSE ONLINE GRATUITA SULLA PREPARAZIONE AL PARTO

Registrati GRATIS ora al mio WEBINAR SUL PARTO

Vedremo insieme “Le 10 cose che devi assolutamente sapere prima di partorire

La prossima classe sarà
questo giovedì!
CLASSE ONLINE GRATUITA SULLA PREPARAZIONE AL PARTO

Registrati GRATIS ora al mio WEBINAR SUL PARTO

Vedremo insieme “Le 10 cose che devi assolutamente sapere prima di partorire

La prossima classe sarà
questo giovedì!

Iscriviti al Webinar dell'Ostetrica Viviana Presicce

Vedremo insieme
le 10 cose che devi assolutamente sapere prima di partorire

Prossima classe online: Giovedì ore 19.00
Posti Limitati: 300

[handl_original_ref_i][/handl_original_ref_i]
[handl_landing_ref_i][/handl_landing_ref_i]
[handl_ip_i][/handl_ip_i]
[handl_url_i][/handl_url_i]
Presenta:
Viviana Presicce
La Tua Ostetrica Online

QUESTO GIOVEDÌ: Le 10 cose che devi assolutamente sapere prima di partorire

Iscriviti al Webinar Gratuito dell'Ostetrica Viviana

"Le 10 Cose che Devi Assolutamente Sapere
Prima del Parto"

I Posti Disponibili Sono Limitati

[handl_original_ref_i][/handl_original_ref_i]
[handl_landing_ref_i][/handl_landing_ref_i]
[handl_ip_i][/handl_ip_i]
[handl_url_i][/handl_url_i]

Iscrivendoti a questo form avrai accesso al WEBINAR GRATUITO ed entrerai a far parte della mia lista mail a cui mando con regolarità la mia newsletter settimanale e promozioni esclusive sui miei percorsi Pronte a Rinascere.